G.B. Pergolesi e Tchaikosky. L’antico e il nuovo della musica classica. Due fasi intermediarie.

Lo Stabat Mater di Pergolesi rappresenta una sinfonia redatta in occasione di processioni e celebrazioni sacre che per tutto il XVIII secolo fin ad oggi ripercorrono le strade della città di Napoli e non solo. La musica fa largo uso della spiritualità e attraverso una sapiente miscela di ritmi lenti rende un’atmosfera mistica e propriamente sacralizzante. A questo si aggiungono le influenze delle sinfonie laiche contemporanea come Benedetto Marcello o le tonalità che G. F. Handel riporterà in seguito nel suo Messiah. In generale tutta la musica di G. B. Pergolesi risente di un influsso Barocco anche se ci sono, evidenti, cambiamenti di genere adattabili ai primi del ‘700. -In Tchaikovsky la fluidità della musica diventa un leitmotiv; la capacità di intessere tonalità che poco si caratterizzano da nuvole di note disomogenee apre le porte alla metodologia sinfonica moderna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *