Movimiento Humanista de Chile

Nascita

Nel 1984, in piena Dittatura Militare, il Movimiento Humanista de Chile e i movimenti che gli orbitano intorno si erano organizzati nella “Comunidad Para El Desarrollo Humano” – Comunità per lo sviluppo umano” che realizza una serie di consultazioni popolari per determinare la necessità di creare un strumento político per la discussione che per primo il movimento umanista aveva formulato:  L’essere umano come valore e primaria preoccupazione, cambio sociale e individuale, economía al servizio dell’essere umano, Uguaglianza di diritti e possibilità per ognuno, la libertà di opinione e la “No Violencia Activa” come metodología di azione.

Con il MH salì una propaggine non violenta che andava a cozzare con la Dittatura Militare che governava il paese.  Di questa maniera, il PH de Chile si constituisce come il primo partito cileno che non nasce come la rimozione dottrinaria o personalistica divisa dal partito preesistente

Dalla sua fondazione il PH comincia un’intensa campagna non violenta di opposizione al regime, basata nella metodología della “No Violenta Activa”. Per esempio, nel 1985 , protestarono per l’acquisto di materiale bellico, mentre esisteva un grande problema di sfratti e problemi abitativi; o nel 1986, durante il passaggio della cometa Halley realizarono la campagna chiamata “Que se lo lleve el Halley” – Lo prenda Halley. Questa e altre attività fecero sì che i dirigenti del PH furono incarcerati, esiliati o minacciati.

Nel 1987 il Partido Humanista è parte di un processo di accordi destinati a conformarsi in un único referente político che riassume tutti i settori di opposizione a Pinochet e che culminó nella nascita della “Concertación por el NO”, coalizione che riassume anche altri partiti che formano un gruppo di partecipanti della Comunidad: il partito Los Verdes o LV, primo partito cileno che auspica la discussione sulle materie medioambientali.

Ritorno a la Democrazia

Il PH fu il primo partito di opposizione a Pinochet a legalizzarsi. Ill 29 Maggio del 1987 si pubblica lo statuto sul Diario Oficial e nel 5 Marzo 1988 il Partito è già iscritto nel Registro Legal del Servicio Electoral con 45.069 firme nelle 13 regioni del Cile.

El 2 Gennaio del 1988 firmarono la coalizione , José Tomás Sáenz per il PH e Andrés Koryzma per LV.

Para el plebiscito del año 1988, el Partido Humanista conforma una de las tres líneas nacionales de apoderadas para fiscalizar los resultados del plebiscito y evitar un fraude por parte de la dictadura, las otras fueron la conformaron la Democracia Cristiana y el PPD.

Tras el triunfo del NO en el Plebiscito, la Concertación planificó las elecciones para 1989. El PH presentó como pre-candidata presidencial a Laura Rodríguez, la primera mujer aspirando a este cargo en la historia política de Chile. Su candidatura fue rechazada por los otros partidos (sólo con candidatos varones) pues Rodríguez tenía menos de 40 años, edad exigida por la Constitución.

Las negociaciones para los cupos al interior de la Concertación, amarradas por los partidos históricos, dejaron muy mermados al PH y LV: 3 y 2 cupos, respectivamente, en una lista de 120 candidaturas (contra 50 de la DC o 30 del PR).

Ill 12 dicembre 1989, Laura Rodríguez fu a la prima diputata eletta da un Partito Umanista nel mondo, eletta nel distretto di La Reina-Peñalolén.

Quando assunse la presidenza Patricio Aylwin nel 1990 con la Concertación – coalizione PH e LV – assume il governo avendo come suoi rappresentanti la Subsecretaría de Bienes Nacionales (Pía Figueroa Edwards) e la Embajada de Nueva Zelandia (Tomás Hirsch).

Sviluppo del partito “in solitaria”

Nel 1989 Laura Rodríguez assume la Presidencia del PH. Il suo lavoro legislativo è stato verso le donne e le minoranze. Presentó il primo progetto di Divorzio nel 1990 (approvato solo nel 2004).

Neln 1992 participavano alls prima elezione municipale dal ritorno alla democrazia, arrivando ad eleggere 15 consiglieri.

Muore subito dopo l’elezione Laura Rodrìguez.

In questo primo anno di governo la Concertación si divide in diverse e profonde differenze nel governare. Il compromesso viene assunto dalla nuova costituzione che però oblitera l’educazione pubblica e gratuita per tutti facendo si che il PH abbandona il governo e la coalizione.

Come un partito indipendente, nella  elezione del 1993, el PH ottiene resultati intorno al 1% restando senza rappresenti in parlamento. Presidente viene eletto Cristián Reitze.

Nonostante la critica del PH ai maneggi liberali e liberiste del governo, il PH ottiene scarsi risultati fino 1998.

Commento

Nell’anno 2003 il Partito Umanista si uni al PCCh, IC, el MIR y el PC(AP), in una coalizione “Juntos Podemos Más”. Il resto è storia attuale. Sono per lo più partiti della sinistra parlamentare e extra-parlamentare. Ci ingiungono però a Noi, a Naro, di fare una coalizione più moderata con il rappresentante locale del Mdp – Movimento democratici e progressisti o con il PD.

Visite: 146
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *